Letteratura e altre arti · Liste

Tre libri a tema estate

@Liana Mikah via Unsplash

Non è un post originale, lo so, ma d’estate mi piace leggere libri che parlano d’estate. Perché quest’esigenza così didascalica? Perché sono come le formiche, solo che invece di accumulare briciole per l’inverno, accumulo luce e calore. E non mi bastano i trentacinque gradi all’ombra, né le (sia pur scarse) giornate in spiaggia. Non mi basta il mare e non mi basta l’odore delle melanzane fritte alle dieci del mattino. Ho bisogno anche di leggere libri che parlino d’estate, che esplodano d’estate, per tenermeli tutti sotto pelle e, a un certo punto – solo a un certo punto – desiderare che finisca.

#1 – L’estate che sciolse ogni cosa, di Tiffany McDaniel, traduzione di Lucia Olivieri (Atlantide)
Un’estate calda come non si è vista mai arriva a Breathead, Ohio. E insieme al caldo un ragazzino che sembra essersi materializzato dal nulla, che molti credono Satana, per via delle lunghe cicatrici sulle spalle e la pelle nera. Molti ma non Fielding Bliss, che quell’estate ha tredici anni e nessuna paura di diventare amico di Sal. Una storia da cui è impossibile allontanare lo sguardo e una scrittura lucida e poetica che avvince e assorbe. Inutile girarci attorno, è un libro da cinque stelle su cinque.

#2 – L’isola di Arturo, di Elsa Morante (Einaudi)
Non ne avrò mai abbastanza di questo libro che valse a Elsa Morante il Premio Strega nel 1957. Un classico che continuerò sempre ad amare e a consigliare. Arturo, adolescente libero e selvatico, scopre l’amicizia, l’amore e la disperazione nella solitudine della sua isola, Procida. Difficile non restare affascinati dalla narrazione, dalle superbe descrizioni dell’isola, dai personaggi che prendono vita fuori dalle pagine, come la dolcissima cagna Immacolatella o il padre di Arturo, imprendibile e amato. Pagine da rileggere periodicamente, anche al di fuori della stagione estiva, rinnovando la meraviglia.

#3 – L’ultima estate, di André Aciman, traduzione di Valeria Bastia (Guanda)
Raùl è un uomo riservato e misterioso. Un giorno, osservando un gruppo di amici che soggiorna nel suo stesso hotel, si accorge che uno di loro ha un dolore alla spalla: si avvicina, vi posa sopra una mano e il dolore sparisce. Come se non bastasse, Raùl sa molto di quegli uomini e quelle donne che lo guardano incuriositi, sa del passato e del futuro, ma soprattutto sa molte cose di Margot, con la quale instaurerà un legame nuovo e antico al tempo stesso. Un romanzo ambientato nell’estate della costiera amalfitana, in cui gli eventi attraversano la circolarità del tempo, annullando i confini tra passato e futuro.

E voi, avete dei libri a tema estate da suggerire? Pensateci, io intanto preparo delle valigie un po’ particolari e mi preparo ad affrontare qualche strano giorno di questo strano agosto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...